Dove? On-line, a Padova e a MonselicePer info e appuntamenti chiama: telephon icon 3491783376

Dr. Salvatore Isaia - Psicologo Psicoterapeuta - Padova Monselice
facebook icon instagram icon linkedin icon

Come posso aiutarti

Lavoro sia dal vivo che on-line. Offro i miei servizi sia individualmente che in gruppo. Mi occupo di consulenza psicologica, psicoterapia e formazione. In generale posso aiutarti con i tuoi problemi psicologici in diversi contesti e mediante varie metodologie esperienziali come la psicoterapia dinamica, l'Analisi Transazionale, l'Ipnosi medica rapida, l'EMDR e il FastReset

Cosa si intende per problema psicologico?

La vita ci pone costantemente di fronte a difficoltà, dobbiamo procurarci le risorse per vivere, coltivare i rapporti interpersonali, strutturare le nostre giornate e realizzarci. A volte fare queste cose è scorrevole a volte richiede più sforzo, più impegno: è problematico. A volte è problematico per ostacoli esterni, al di fuori del nostro controllo, a volte è problematica per ostacoli interni. Questi ostacoli interni sono i problemi psicologici.

Per la maggior parte, i problemi psicologici, sono originati da una gestione inconsapevolmente autodistruttiva delle emozioni e degli impulsi.

Facciamo un esempio.

Ci sono due persone Prode e Sconsolato. Prode e Sconsolato lavorano in due aziende diverse e entrambi lunedì scorso hanno vissuto una situazione simile: hanno consegnato un progetto, svolto in modo sufficientemente buono, ma nonostante ciò il loro capo, ha commentato: “questo progetto fa schifo, non vali niente”. Ed è qui che notiamo la differenza tra Prode e sconsolato.

Sconsolato, reagisce al commento con un leggero abbassamento di pressione, sente un po’ di nausea è confuso, si sente angosciato si considera un fallito, abbassa il capo e torna in ufficio.

sottomesso

Prode al contrario, ha un’accelerazione del battito cardiaco, sente i muscoli tesi, stringe i pugni, prova rabbia.

bambino tosto

Prode ha familiarità con la sua rabbia, la considera una reazione normale, sente un’energia che scorre attraverso il suo corpo, vorrebbe spaccare la faccia al suo capo, ma farlo è contro la legge e contro la sua morale, quindi mantiene il controllo. Prode dice con voce decisa: “questo commento è una mancanza di rispetto, non sono disposto a farmi trattare così. La prego di riformulare il suo riscontro in modo specifico e attenendosi al ruolo che riveste.” Prode si considera una persona di valore che ha diritto di essere rispettata. Sia Prode che Sconsolato hanno lo stesso problema esterno, il loro capo li maltratta, il problema psicologico però, ce l’ha solo Sconsolato.

Il problema psicologico di Sconsolato è che quando riceve un’aggressione esterna, prova una rabbia (come è normale che sia), che purtroppo però non la tollera. Il suo corpo considera la sua rabbia un predatore che lo sta azzannando, quindi, dopo mezzo secondo, il corpo reagisce di conseguenza. Quando un predatore ci azzanna, il corpo finge la morte, il sangue defluisce dal cervello e va verso gli organi vitali, vuole limitare l’emorragia. A Sconsolato quindi gira la testa, viene la nausea e si sente debole. In tutto questo Sconsolato si critica aspramente, si dice di essere un fallito. Sconsolato, se viene attaccato, si attacca. Questo è un problema! Un problema psicologico. Sconsolato non lo ha scelto, non si sveglia la mattina chiedendosi “come posso rendere miserabile la mia vita?”. Sconsolato non ha scelto di avere il suo problema psicologico, però può scegliere di risolverlo. Il mio lavoro consiste nel mettere le persone nelle condizioni di risolvere il loro problema psicologico.

Come aiuterei quindi Sconsolato?

Se Sconsolato mi chiedesse aiuto, il mio lavoro sarebbe quello di costruire con lui una relazione in cui può osservare il meccanismo autodistruttivo sostengo, e mentre io lo blocco lui può essere libero di esplorare gradualmente il suo impulso vitale (in questo caso la rabbia), via via che lavoriamo insieme, lui diventa sempre più abile nel viversi le sue emozioni usandole per affermarsi proteggersi e realizzarsi. Lo scopo è passare a viversi le situazioni come Prode e non come Sconsolato. Vuoi saperne di più? Leggi l’articolo “3 esempi di risoluzione di problemi psicologici”

Garanzie di qualità

Per garantire la qualità del servizio, al cliente viene chiesto di compilare un questionario alla fine della seduta, in base alla ricerca, infatti, so che la percezione che ha il cliente della seduta è un indice affidabile della sua efficacia. Rilevando precocemente anche le piccole rotture nel rapporto terapeutico è possibile porvi prontamente rimedio. Un’altra procedura importantissima per garantire la qualità del servizio è la videoregistrazione delle sedute. Questo mi permette di rivedere i passaggi importanti e di chiedere un parere terzo ad un collega. Questo ha notevolmente aumentato la mia capacità di aiutare i miei clienti.

Nessuna Terapia Infinita

Se non osserviamo i primi risultati positivi dopo pochi incontri, interrompiamo il percorso di presa in carico. Infatti, in base alla nostra esperienza e all'approccio che utilizziamo, abbiamo notato che i primi progressi si possono apprezzare già negli incontri iniziali. Può essere proposta, un altro tipo di trattamento.